1° Convegno scientifico di
Medicina dello Sport

Lo sport come strumento di prevenzione della salute

RELATORI: (per dettagli vedi la scaletta degli interventi --->)

dott. MARCELLO PILI dott. FRANCO SARDI dott. ALBERTO CONCU dott. MARCO SCORCU
dott. GIANNI PILI

FRANCO SIDDI

VITTORIO SANNA

SIRO MARROCU
FRANCO SEDDA

STEFANO PIRAS

On. dott. MONDINO IBBA

PIETRO GARAU
e FILIPPO GASLINI

Logo del Convegno

 

presentazione del convegno .JPG (52292 byte)
 
saluti dell'assessore allo sport.JPG (48249 byte)
 
 
relazione di Franco Sardi.JPG (56384 byte)
presentazione relazione Marcello Pili.JPG (68991 byte)
relazione Alberto Concu.JPG (86370 byte)
 
tavola rotonda con Pietro Garau.JPG (61900 byte)
tavola rotonda con filippo gaslinii.JPG (50798 byte)
 
relazione di Vittorio Sanna.JPG (49028 byte)

Resoconto Convegno di Medicina dello Sport

Il 10 ottobre 2003 si è tenuto a Villacidro il Convegno di Medicina sportiva "Lo sport come strumento di prevenzione della salute", organizzato dal Centro di Medicina Sportiva "Salute e Sport" del dott. Marcello Pili, in collaborazione con l'Assessorato Sport del Comune di Villacidro.

All'importante riunione sono convenuti numerosi dirigenti di società sportive del Medio Campidano che hanno seguito con interesse e partecipazione i lavori del convegno.

Dopo i saluti delle autorità (Il Sindaco di Villacidro Franco Sedda, l'Assessore allo Sport del Comune di Villacidro Stefano Piras, e del Presidente dell'Ordine dei Medici della Provincia di Cagliari Mondino Ibba) ha avuto inizio la sezione di relazioni.
La prima è stata quella del dott. Franco Sardi, responsabile del Servizio Sport dell'Assessorato Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Spettacolo e Sport della Regione Sardegna.

Il dirigente ha informato la platea dell'esistenza del fondo previsto dalla legge per lo Sport, 17/99 art.39, per i rimborsi per le visite medico sportive per l'attività agonistica praticata dagli atleti maggiorenni, che è utilizzato per poco più del 30% delle cifre in capitolato.
In particolare, su 300.000 euro stanziati per il 2002 le richieste di rimborso delle visite medico sportive operate dalle società è stata pari ad un totale di 106.000 euro.
I fondi in capitolato sono stati riconfermati anche per il 2003.
Pur rimarcando i lunghi tempi previsti tra richiesta di rimborso ed elargizione (circa un anno) il dott. Sardi ha rilevato che il rimborso garantito è il 90% della spesa sostenuta.
In pratica, per la visita medica fatturata dal medico sportivo a 40 euro per atleta (tariffa imposta dalla Regione ai Centri di Medicina dello Sport pubblici o privati autorizzati, gli unici che possano effettuare le visite rimborsabili) sono restituiti 36 euro, con una spesa reale per la società di appena quattro euro ad atleta.

Il dott. Marcello Pili ha tenuto una relazione sulla funzione dello Sport in condizione di malattia quando rappresenta cioè un presidio terapeutico per il miglior decorso della patologia in essere.
In dettaglio sono stati illustrati i vantaggi offerti dalla pratica dell'attività fisica in corso di diabete e asma con specificato i tipi di sport suggeriti e i decaloghi di comportamento da tenere in queste condizioni.
Sono stati mostrati i risultati di un lavoro scientifico vertente sulla riabilitazione del cardiopatico infartuato inviato in palestra a praticare il cardiofitness che hanno testimoniato la sicurezza e l'efficacia di questa proposta in un sottogruppo ben selezionato di reduci dall'infarto.
Si è infine posto l'accento sul ruolo dello sport aerobico nel coadiuvare la dieta nei soggetti soprappeso e rimarcato la validità della visita medico sportiva specialistica quale imprescindibile momento di prevenzione.

Il Prof. Alberto Concu ha tenuto una relazione relativa ai limiti invalicabili alle prestazioni sportive, concentrandosi sulle caratteristiche delle fibre miosiniche che possono essere geneticamente differenti da soggetto a soggetto e solo in parte modificabili con l'allenamento.
E' stato mostrato come uno dei più importanti elementi limitanti il lavoro muscolare sia il rifornimento in ossigeno garantito dal sistema cardiocircolatorio, specificando ruolo e limiti della diffusione alveolo capillare a livello polmonare, portata cardiaca, e livelli d'emoglobina.

Il presidente della Villacidrese Siro Marrocu ha posto l'accento sul ruolo sociale delle Società Sportive nella prevenzione della salute fisica e psichica dei propri iscritti, testimoniando le esperienze maturate in seno alla propria società.
La Villacidrese è capace di esprimere una prima squadra tra le più forti in una Regione dove sono iscritte alla F.I.G.C. più di cinquecento società, e al contempo avere in attività più di cento giovani o giovanissimi iscritti tra gli allievi, pulcini, junior e scuola calcio.

Marco Scorcu, medico sociale del Cagliari e responsabile del Servizio di Medicina Sportiva dell'A.S.L. N° 6 di Sanluri, ha tenuto un esauriente relazione sul doping, indicando, per ciascuna classe di farmaci, gli effetti collaterali.
In dettaglio, è stato evidenziato l'ulteriore pericolosità del doping "fai da te" esercitata da improvvisati praticoni, complice la possibilità di un rifornimento di farmaci e ormoni abbastanza semplice via Internet.

Il dott. Gianni Pili, dirigente ospedaliero dell'U.T.I.C. Santissima Trinità di Cagliari, ha illustrato gli adattamenti del cuore all'esercizio fisico, spiegando l'origine della bradicardia caratteristica del cuore d'atleta, le modalità d'ingrandimento delle camere cardiache nei praticanti sport di resistenza e il perché dell' ispessimento delle pareti del ventricolo sinistro del cuore, negli atleti praticanti sport si potenza.

Pietro Garau, forte centrocampista della Villacidrese, ha illustrato alla platea quali sono le regole di comportamento da tenere fuori dal campo, per potersi ancora proporre perfettamente integro, all'età di trentasei anni, sul campo da gioco.

Filippo Gaslini, uno dei più forti cestisti sardi in circolazione, ha illustrato quali sono i giusti compromessi per essere un atleta d'elite, e al contempo proseguire con successo negli studi. E' emerso un racconto di sacrifici e impegni in entrambi i fronti che finiscono tuttavia per rappresentare ciascuno un elemento di rinforzo dell'altra attività.

Infine Vittorio Sanna, giornalista sportivo dell'emittente Sardegna Uno e maestro di scuola elementare, ha sostenuto con convinzione la necessità di lasciare al gioco senza alcun'indulgenza alla specializzazione in una disciplina specifica, il compito dell'"educazione fisica" nelle scuole elementari.

I lavori si sono chiusi con la soddisfazione del numeroso pubblico presente e l'impegno da parte degli organizzatori di un appuntamento da rinnovare negli anni a venire.

La scaletta degli interventi

Ritorna al Convegno 2004

Home page

 Prestazioni in Medicina dello Sport

Prestazioni in Cardiologia

Tutti i diritti sono riservati. ® Copyright 2003
E' severamente vietata la riproduzione anche parziale di immagini e contenuti presenti nel sito.
Webmaster Mediatrix
 
 

sindaco di Villacidro.JPG (24591 byte)

 
saluti del presidente dell'ordine dei medici della provincia.JPG (58340 byte)
 
relazione Marcello Pili.JPG (60576 byte)
riabilitazione nel post infarto.JPG (52262 byte)
 
saluti del sindaco.JPG (65366 byte)
con l'assessore allo sport di Villacidro.JPG (51077 byte)
 
ringraziamenti.JPG (82781 byte)